Torna la saga Abandoned by Disney (Abbandonato da Disney), con un nuovo, inquietante, terzo capitolo. Pubblicata per la prima volta su Slimebeast, narra di una stanza segreta nascosta sotto Disneyland e di inquietanti mostri nascosti sotto le maschere dei vostri cartoni animati preferiti

Se vi siete persi le storie precedenti, trovate qui la prima parte e qui la seconda.

Buona lettura!

 

 

Abbandonato da Disney – Parte 3

La mia storia

È passato un po’ da quando ho scritto tutto ciò che riguarda la Disney Corporation, e sono sicuro che si può anche capire il perché. Sono accadute molte cose dal mio ultimo post. Ho ricevuto un sacco di domande e preoccupazioni da persone che hanno letto il mio resoconto in prima persona al Palazzo di Mowgli… Un resort che è stato costruito e abbandonato dalla Disney. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno condiviso il mio post. È stato eliminato da alcuni siti, per lo più aziendali che sono facilmente controllabili da un potere più grande. Tuttavia, per ogni topic censurato o blog eliminato, sembra che ne siano spuntati un centinaio in più.

Questo è qualcosa che dovranno affrontare. Non c’è modo di tornare indietro, per loro… e nemmeno per me…

Sono sicuro che mi stiano pedinando. Inizialmente, per uno o due mesi, davo la colpa alla paranoia. Ogni sguardo casuale o mezzo sorriso diretto verso me, mi mettevano in agitazione, nel senso, i peli del collo si rizzavano e tutti gli altri sintomi. Il primo, o meglio, il primo che sono stato effettivamente in grado di individuare, era un operatore telefonico che girava intorno al mio complesso residenziale. Era un uomo sulla cinquantina, pallido e vestito come ci si aspetterebbe, ma c’era qualcosa di strano in lui. Non capivo cosa, ma sapevo che non era frutto della mia immaginazione. Era strano, fuori posto, non sembrava qualcuno che fosse abituato a compiere la sua routine lavorativa. L’ho seguito fino ad un angolo, per poi perderlo. Quando mi voltai per tornare a casa, eccolo lì. Mi guardava fisso ed era ad una decina di metri dietro di me. Inespressivo e freddo.

“Stai esplorando?” mi chiese. Questo era tutto quello che disse, e c’era un tono accusatorio nella sua voce.

Ditemi adesso se questo è un comportamento normale per un operaio addetto ai telefoni?

Direi che è questa la parte peggiore. Non sentirsi mai al sicuro. Non sentirsi mai soli. Questo, e i gadget Disney occasionalmente lasciati in qualche posto per farmeli trovare. Pupazzetti di gomma di Topolino nella mia cassetta delle lettere, una rivista “Disney Adventures” nella mia libreria. Nascondono piccoli disegni di Topolino ovunque. Tre cerchi, uno grande, due piccoli, che formerebbero la sagoma della testa del famoso topo.

Ho iniziato a scrivere un elenco aggiornato delle sagome di Topolino che ho trovato.

Tazze di caffè che lasciano macchie circolari sul mio tavolino, una grande e due piccole. Bottiglie di vetro colorate lasciate sulla soglia di casa, che viste dall’alto formano la testa di Topolino (tutte rosse). Graffiti sul muro lungo la strada che porta al lavoro, che rappresentano un’enorme Terra, un piccolo Sole e una piccola Luna nelle posizioni giuste per formare le orecchie di Topolino.

Sono ovunque.

Alcune persone mi hanno inviato email al riguardo. Se ripubblicherete qualsiasi cosa che io scriva, incomincerete a trovare quelle fottute sagome. Ve lo garantisco. Il migliore in assoluto, quello che mi ha fatto davvero ridere per l’orrore di tutto ciò, era un disegno in gesso vicino alla mia macchina. Sono rimasto sconcertato in un primo momento e ho attraversato a piedi il garage, tenendo d’occhio le persone che mi seguivano. Il contorno sembrava la copia identica di… beh, una “sagoma della vittima di un omicidio”, probabilmente vi risulterà familiare se avete letto i miei post precedenti. Scritta in vernice gialla… sono sicuro che fosse vernice… c’era una sola parola.

“RITRATTA”

 

Le testimonianze

L’unica cosa buona che è venuta fuori da tutto questo è che so di non essere l’unico che ha visto qualcosa che non doveva vedere.

Non ho intenzione di dire i loro nomi, perché… beh, se devo dirvi perché, non avete fatto attenzione a ciò che ho scritto.

 

Ricercatore

“Ricercatore” va ai parchi Disney ogni volta che può, durante tutto l’anno. Non ci va per divertirsi, per godersi le giostre, etc.

Ma perché lui sta cercando i Gascots.

A quanto pare, c’è una lunga tradizione di persone che riferiscono di aver visto strani clienti in tutto il parco. Fissano silenziosi, immobili, clienti di ogni età, forma e dimensione. Uomini e donne, adulti, bambini e ragazzi. Indossano tutti maschere antigas a tema Disney. A quanto pare, la Disney avrebbe ricevuto tonnellate di lamentele a proposito di persone “vestite in modo strano” che seguivano altri in tutto il parco. Gente che poi si mischia con la folla e scompare. In seguito, le maschere antigas indussero la gente a trarre altre conclusioni, e iniziarono a circolare reclami di “possibili terroristi” e “bombaroli”.

Tutti questi reclami, molto probabilmente, sono andati a finire dritti nel cestino. So di non poter trovare alcun segno di tali avvenimenti riportato dai media (anche se dovreste aver capito che la Disney può tranquillamente controllare la stampa come nessun altro). Ricercatore va ai parchi, parla con alcune persone, e cerca di non attirare l’attenzione su di sé. Di solito si limita a chiedere a tre o quattro famiglie se hanno visto “il suo amico”, che indossa una “maschera buffa”. Deve ancora vedere un gascot dal vivo… anche se in un’occasione, un bambino gli indicò di andare a Frontier town. Mentre correva tra la folla, sentì davanti a sé una voce che diceva “Mamma! Voglio anch’io una maschera per l’aria di Pippo!”

 

Bagnino

Un amico che chiamerò “Bagnino” ha lavorato in un parco acquatico Disney dal 2001 al 2003. Stava in cima a un enorme scivolo acquatico e faceva in modo che nessuno dei bambini facesse troppo chiasso. Faceva passare i ragazzi attraverso il tubo, una alla volta, dicendo loro più e più volte di stare attenti, di mantenere le braccia dentro lo scivolo, e così via.

Un giorno, come egli racconta, un bambino grasso entrò nel tubo e non uscì dall’altra estremità.

Inviò due o tre bambini dopo, il tutto a una velocità costante, così naturalmente vi aspetterete che, se il bambino grasso fosse stato bloccato, i ragazzi che lo seguirono sarebbero rimasti bloccati a loro volta. Non fu così. Solo il bambino grasso scomparve. Tutti gli altri vennero fuori dall’altra parte, finendo in acqua e spruzzandola ovunque come se niente fosse. Bagnino chiuse lo scivolo, a discapito del fatto che ci fossero dei bambini in attesa. Prima che potesse avviare una delle rigorose procedure di sicurezza della Disney… SPLASH… il bimbo grasso venne finalmente fuori.

I membri del personale tirarono fuori il bambino dall’acqua. Affondò come un sasso quando arrivò nella vasca, la sua pelle era blu e gli occhi spalancati. Tutto quello che diceva era “Bambini senza faccia” e “Smettetela di stringere”. Il ragazzo stava bene, nel caso in cui ve lo stiate chiedendo. Fu trasportato in infermeria. Quando a Bagnino fu ordinato di riaprire lo scivolo, si lamentò del fatto che chiaramente non fosse sicuro. Nonostante le sue lamentele, fu minacciato di licenziamento e malvolentieri riaprì lo scivolo. Da quel momento in poi, sorvegliò più attentamente i bambini. Ogni tanto, uscivano nell’ordine sbagliato… mai storditi quanto il ragazzo grasso, ma sempre con un vago sguardo di preoccupazione… un mezzo intontimento insonnolito, come se stessero cercando di capire cosa fosse reale.

Semplicemente, mandavano giù acqua e soffocavano un po’… per poi non tornare mai più sullo scivolo.

Ho letto i suoi messaggi di posta elettronica con lo stesso tipo di disagio che potreste sentire voi in questo momento. Ho voluto condividere la sua storia, ma alla fine non ha voluto svelare la sua identità. Non posso dargli torto.

 

Biancaneve

“Biancaneve”, che non era il ruolo che recitava davvero, era un “personaggio” all’interno del parco. Aveva un “chicca” da raccontarmi. Sapete cosa succede quando un dipendente in maschera muore all’improvviso nel suo costume? Tipo, un secondo prima si sta facendo una foto con il piccolo Jimmy, e un secondo dopo ha avuto un ictus fatale?

Una seconda mascotte in costume nella zona ha il compito di sedersi con il cadavere su un marciapiede o su una panchina e aspettare un “Ripulitore” incaricato, che arrivi e porti via il corpo in modo discreto. Per tutto il tempo, i clienti non sospettano di essere seduti vicino a un morto per farsi delle foto.

Sentitevi liberi di controllare i vostri album fotografici, a questo punto.

 

Custode

Quello era brutto, ma un altro amico, “Custode”, le supera tutte nella classifica dei fatti raccapriccianti.

Disney World (come probabilmente altri) è costruito sopra una serie di tunnel sotterranei, che iniziano da appena sotto i vostri piedi. Tre piani di estensione. Qualsiasi cosa tu possa immaginare si trova laggiù, per l’utilizzo da parte dei dipendenti. Si chiamano Utilidors, dall’inglese “Utility Corridors”, corridoi di servizio.

In sostanza, questo è il motivo per cui non si vedono personaggi fuori posto o inservienti vagare per il parco. Essi entrano ed escono da porte segrete, e si spostano tramite una città nascosta sopra la quale state camminando. Custode mi ha detto qualcosa che potrebbe essere già risaputo, ma che per me è stato comunque qualcosa di nuovo. Walt Disney aveva diversi appartamenti costruiti nei suoi parchi. Ce n’è uno sopra il Castello di Cenerentola… un altro nella giostra Pirati dei Caraibi. Sono dappertutto. In più, ci sono locali notturni, un cinema, una pista da bowling, e molto altro. Tutto dietro a delle porte costruite in stravaganti facciate davanti alle quali si passa senza nemmeno dare una seconda occhiata.

Il Club 22 è una di queste zone nascoste. Se hai abbastanza soldi per entrare in questo club esclusivo (e non li hai), allora potrai accedere ad esso e molto più.

Il Club 22 è un luogo dove tutto è permesso. Disney Co. chiama questi luoghi “zone oscure”. Posti in cui la simpatica e innocente faccia di Topolino lascia spazio ad alcol, droga, e, sì, pure sesso. Al contrario, il resto del parco è chiamata “Zona Luminosa”, con in mezzo qualche “utilidors” dette “Zone grigie”. Per quanto mi ha riferito Custode, non è stato sempre così. Si è trattato più che altro di un lento declino e di un graduale allentamento delle norme sociali all’interno di quel gruppo d’elite.

La ragione per cui sa tutto questo? Forse avete già indovinato – lo ripuliva.

Dopo un lungo controllo dei precedenti e una specie di contratto di non divulgazione, Custode, da guardiano del parco, divenne uno degli addetti alla pulizia della Zona Oscura. Ora, prima ancora che voi immaginiate qualche “sacrificio umano” da riti satanici, vi dico che Custode non ha visto niente del genere. Un sacco di bottiglie di alcolici vuote? Sì. Preservativi usati sparsi come palloncini sgonfi a Capodanno? Oh sì. Ha ripulito la sua parte di sangue, piscio e vomito, ma ciò era causato dal comportamento sregolato dei membri e non per via di un qualche strano rito. Almeno è così che lo vede lui, ora, in retrospettiva. Tutta quella spazzatura e quella merda profana finiva bruciata in un forno e si mescolava con il fumo emesso dal comignolo di un pittoresco cottage.

Se sei stato a Disney World, hai respirato peccato ultra-condensato.

 

Martello

A sostegno di queste informazioni c’è stato “Martello”. Martello mi ha scritto alla vecchia maniera, anche se non so come abbia trovato il mio indirizzo di casa. Mi ha mandato fotocopie di documenti di lavoro che provano che egli abbia lavorato lì, con l’istruzione di bruciarli dopo essermene convinto.

Cosa che ho fatto volentieri.

Martello ha lavorato al parco di Disney World, facendo demolizioni e costruzioni. A un certo punto, si è avvicinato a un superiore per parlargli di alcuni strani piani di costruzione. C’era un’ampia area rettangolare sulla mappa, delle dimensioni di un supermercato. L’area è stata lasciata senza nome, e sopra c’era soltanto la scritta “NON SCAVARE”. Non solo il suo superiore ne era all’oscuro, ma era all’oscuro strafottutamente volutamente. Non voleva parlarne, non voleva saperne, e la conversazione si concluse con “questo spazio è lasciato vuoto intenzionalmente”.

Martello non lo capiva. La zona sembrava uno spreco di spazio, ed era in diretto contrasto con gli ordini che erano stati dati alla sua squadra. Incominciò a sondare intorno a quella zona durante il suo tempo libero, trovando solo una porta d’acciaio abbandonata e, dietro, un vasto stanzone di cemento. Era un pavimento di cemento, grigio, grande come un supermercato.

Poco dopo, Martello iniziò a vedere gascot in mezzo alla folla.

A differenza di tutti gli altri resoconti, quelle persone… quelle cose… stavano in piena vista del ragazzo. Si raggruppavano in lontananza o si premevano contro un muro quando lui svoltava un angolo. Ha detto che “si muovevano in modo strano”, come se fossero deboli o feriti… come un cervo che è stato colpito da un cacciatore e non può più fuggire.

Le maschere antigas… i volti dei personaggi Disney muniti di filtri… notò che sembravano bagnate al loro interno, come la condensa che si forma sui finestrini di un’automobile. Piccole goccioline d’acqua scintillavano dietro il vetro, rendendo impossibile per chiunque di loro vedere davvero. Indagando ulteriormente, Martello iniziò a fare domande a tutti coloro che avevano lavorato nel parco almeno negli ultimi dieci anni.

Continuava a trovare vicoli ciechi, fino a che non fu indirizzato da Ida, una donna anziana che lavorava in un ristorante sulla Main Street. Lei era in zona da parecchio tempo e, anche se nessuno aveva le palle per chiederglielo, tutti sapevano che aveva un sacco di storie terribili da raccontare.

 

La storia di Ida

Martello le fece domande sullo spazio vuoto, poi sui clienti con la maschera antigas, e in un primo momento pensò che avrebbe ricevuto le stesse non-risposte che aveva ricevuto fino ad allora. Lei era silenziosa. Stranamente silenziosa.

“Room Zero.”

Gracchiò lei e pose una sola mano tremante sulla guancia, come se fosse una bambina che teme la punizione da parte del padre. Non rivolse lo sguardo verso l’uomo per l’intera conversazione.

Room Zero, come si scoprì, era un’altra stanza nascosta, proprio come gli appartamenti e il Club 22. Tuttavia, la sua vastità e la sua posizione in profondità sotto il parco la distinguevano da tutte le altre zone oscure “dei divertimenti”.

Era un rifugio antiaereo.

Room Zero è stata costruita per resistere a un attacco massiccio, fosse esso condotto da nemici stranieri o nazionali. Room Zero doveva essere rifornita con abbastanza razioni di cibo da nutrire il numero medio di clienti dell’intero parco in qualsiasi momento, e ospitava una sontuosa “Panic Room”, più piccola, riservata ai gradi alti della Disney. Durante la seconda guerra mondiale, delle maschere antigas ufficiali della Disney sono state effettivamente prodotte per i bambini, per indossarle in caso di un attacco. L’idea era che sarebbe stato meno spaventose per i bambini se, sopra un dispositivo di sicurezza bellico, ci fosse stata stampata la faccia di Topolino.

Sì, capisco gli ovvi problemi con tutto ciò.

Durante la Guerra fredda negli anni ‘60, quando è stato costruito Disney World, Room Zero era fornita di maschere simili. Che si curassero delle paure dei bambini, o che fosse solo per delle insensibili regole di mercato, quegli affari finirono laggiù. In più, qualche genio ha pensato che allora i bambini sarebbero stati spaventati dalle maschere antigas normali indossate dai loro genitori… e così tutte le maschere, per adulti e bambini, sono state fatte seguendo questo folle piano.

Ida l’ha descritto come “Curare una ferita con succo di limone.”

Niente di tutto questo spiegava cosa Martello avesse visto, però. Non solo le apparizioni quasi soprannaturali, ma anche la camera vuota.

“Ci sono stato dentro,” spiegò lui, “Non c’è niente oltre un pavimento di cemento e quattro mura.”

“No,” Ida scosse la testa e si coprì la bocca, soffocando un singhiozzo, “Sei stato sopra Room Zero.”

Qualcuno o qualcosa fece scattare l’allarme, un giorno, quando il parco era pieno. L’avvertimento era chiaro. Si supponeva fosse un attacco aereo. La sicurezza condusse tutti giù, giù, giù nel tremendo rifugio. Lì, fu ordinato di indossare le maschera e accovacciarsi per la durata dell’assalto. Tutto fu tranquillo per circa trenta minuti, salvo per i bambini che piangevano e i bisbigli spaventati. Nessuno voleva morire, e quindi erano grati in un certo senso, per questa strana misura di sicurezza.

Poi, il primo grido risuonò.

“Hey!” gridò un uomo, “smettila di pizzicarmi!”

Ondate di grida e gemiti si sparsero per tutta la folla, da una parete all’altra, avanti e indietro.

“Chi sta correndo? Calmatevi!” qualcuno gridò.

“Chi ride? Questo non è divertente!”

“Ahi! Chi mi ha schiacciato il piede?!”

Nonostante le sollecitazioni da parte delle guardie di sicurezza per calmarsi e mantenere il sangue freddo, la folla diventava sempre più agitata fino a quando, alla fine, dopo quasi un’ora di follia… Le luci tremolarono…

Poi si spensero.

Quello che seguì potrebbe essere descritto solo come puro e semplice caos. Nel buio, si sentivano solo i lamenti dei bambini e le grida angosciate di adulti, in una massiccio e assordante frastuono che faceva sanguinare le orecchie a tutti quelli che erano all’interno di quella cassa di risonanza nera. Un gruppo di membri del personale e alcuni clienti uscirono dalla porta, pronti ad affrontare la guerra all’esterno piuttosto che la follia all’interno. Ciò che trovarono, naturalmente, era un desolato parco a tema, ancora intatto. La musica continuava a suonare, riecheggiando attraverso le città delle fiabe silenziose. Ritornati a Room Zero, i pochi che si trovavano in cima alle scale d’acciaio, che conducevano giù nel buio pesto, non sentivano alcun segno del caos di là sotto. C’era solo silenzio. Ida scese quelle scale, nonostante le richieste imploranti di chi rimase sopra. Raggiunse le porte blindate, ora era di nuovo immersa nelle tenebre e udiva soltanto un ronzio nelle orecchie. Una singola voce uscì dal’oscurità. L’eco rendeva impossibile dire se la voce dell’essere misterioso provenisse dal fondo del rifugio antiaereo, o se provenisse direttamente da davanti la sua faccia.

Disse: “Chiudi la porta, cara. Stai facendo uscire il freddo.”

Presa dal terrore, fece quello che la voce ordinò. In pochi giorni, l’intera struttura… il rifugio, le scale… tutto quanto fu ricoperto da vari metri cubi di cemento. I sistemi d’aerazione e i generatori al di sopra del soffitto furono rimossi, creando il grande spazio vuoto.

“Sono ancora tutti lì.” ha detto Ida a Martello, “Laggiù con quella cosa, qualunque cosa fosse.”

Potreste aver notato che ho usato il vero nome di Ida. Purtroppo, la donna è deceduta poco dopo aver raccontato la sua storia. Caduta accidentale, a quanto pare, dopo essersi alzata dal letto per accendere la luce.

“Talmente devota alla Disney,” il giornale riferiva, “che tutta la sua camera da letto era ricoperta da sagome di Topolino.”

 

Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid