La risposta si perde nella notte dei tempi, nell’antica Grecia. Minosse, figlio di Zeus ed Europa, fu per molti anni il saggio re di Creta. Si racconta che in seguito alla morte del padre adottivo, Asterione, egli costruì un altare in onore di Poseidone e chiese al dio di inviargli un toro per convincere il suo popolo, nonché i due fratelli Radamanto e Sarpedone, che era lui il favorito dell’Olimpo per la successione al trono. Il signore degli oceani esaudì la preghiera dell’uomo, ma ad una condizione: il toro bianco donatogli era un esemplare stupendo, e chiese a Minosse di immolarlo sul suo nuovo altare in riva al mare. Quest’ultimo però fu talmente rapito dalla possanza del toro che non stette ai patti, sacrificando in realtà un banalissimo esemplare. Poseidone, collerico, si vendicò del nuovo sovrano facendo innamorare follemente del toro sua moglie, Pasifae. La questione meccanica dell’amplesso fu risolta dal geniale Dedalo, che realizzò per la regina una giovenca di legno in cui la donna poté stendersi per amoreggiare con l’animale in tutta sicurezza.

Dal complesso amplesso nacque una bestia metà uomo e metà toro, Minotauro. I cretesi, a conoscenza dell’adulterio di Pasifae, mostrarono a Minosse le corna per prendersi gioco di lui. Così il re cretese divenne ufficialmente il primo cornuto della storia.


Hai anche tu una domanda a cui non sai dare risposta? Inviacela e potresti vederla pubblicata sul sito!

La Bottega del Mistero
Alza il velo della realtà per portare alla luce curiosità, misteri, eventi grotteschi o divertenti. Ma sempre comunque affascinanti.
Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid