La Venere di Botticelli ha gli occhi storti (ovvero: la perfezione non è sinonimo di bellezza). Nel 2013 la fotografa Liora K e la blogger Jes Baker fondano il progetto fotografico Expose – Shedding light on collective beauty (più o meno Riscopriamo – Facciamo luce su quello che è la bellezza), in cui le donne della porta accanto mostrano i loro corpi seminudi semplicemente per quello che sono: non i fisici patinati ed artificiali del mondo della moda e dello spettacolo, non quelli al botulino e silicone, ma quelli portati fieramente dalle nostre amiche, fidanzate, mogli o figlie. Il progetto è unico anche per la sua semplicità: niente Photoshop né luci posizionate ad hoc, solo la bellezza data dall’unicità di un viso rotondo o da fianchi troppo larghi, da occhiaie profonde o da cicatrici perenni. Tutto è nato da una semplice domanda della blogger alle sue lettrici.

Quando è stata l’ultima volta che avete aperto il vostro computer e avete visto l’immagine di un corpo che sembrava il vostro? – Jes Baker

Ma dato che non si può rivedere sé stesse in foto di modelle che di reale hanno davvero poco o niente 96 donne imperfette sono state reclutate su Facebook e si sono ritrovate tutte insieme a Tucson, USA, per spogliarsi dei loro vestiti e delle loro vergogne davanti all’obiettivo di una fotocamera.

L’immagine delle donne divulgata dai media non ci corrisponde, nessuno somiglia a quelle foto ritoccate con Photoshop. Eppure tendiamo a credere di essere le uniche sfortunate ad avere seni irregolari, o caviglie troppo grosse, o peli superflui. Non è così. – Jes Baker

E più di ogni altra cosa nelle foto non colpiscono i difetti, né il caleidoscopio di colori di capelli, occhi e pelle, ma i sorrisi. Sorrisi veri, sinceri, amorevoli. Che nessuna modella di plastica potrà mai donare. Qualche anno fa affrontai lo stesso tema con una mia amica siciliana, chiedendole se secondo lei fosse meglio vivere con le imperfezioni che ci rendono unici ma diversi oppure normali come tutti gli altri. Lei, quattordicenne, mi rispose così:

La normalità è banale. – Claudia C.

 

Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid