Una tranquilla casetta sul lago dove trascorrere in pace il fine settimana. Concedersi qualche momento di relax nella sauna, tosare il prato, spiare le ragazze sulla spiaggia, sono davvero tante le cose che si possono fare per ritemprare corpo e mente. Finché non cala il buio, le luci saltano, l’acqua del lago ribolle.

Lakeview Cabin è un videogioco in flash per browser creato da Roope Tamminen, in cui un piccolo angolo di paradiso fa da sfondo ad una triste storia d’amore e di morte lungo le placide sponde del lago. Cliccate sull’immagine qui sotto per giocare; più in basso trovate le mie personali teorie su ciò che si nasconde dietro un rigoglioso quanto letale paesaggio lagunare e  le istruzioni per completare il titolo. Leggete il resto dell’articolo solo una volta giocato, anche se doveste morire più volte: ci sono decine di oggetti con cui interagire e diversi modi per andare avanti nella storia, tra il demenziale e lo spaventoso.

 

 

Teorie

La mia personale teoria è che il protagonista sia tornato nella baita sul lago ben conscio dell’orrore che vi avrebbe trovato. Credo che tempo prima degli avvenimenti descritti nel gioco la moglie, incinta, sia morta sull’isola o nel lago, e che sia tornata per cercare vendetta.

La prima teoria è che la donna sia morta affogata, ed il marito non sia stato in grado di salvarla. L’uomo non sa nuotare, ed è rimasto impotente a guardare la donna scomparire tra le acque azzurre del lago. Questa teoria è compatibile col fatto che se proveremo a gettarci in acqua e tenteremo di andare al largo l’uomo balzerà immediatamente sulla terraferma.

Altra ipotesi è dettata da un oggetto che troveremo in una cassa: è possibile ad un certo punto del gioco recuperare un binocolo, che in realtà non serve a granché, dato che l’isolotto dove ci troviamo sarà lungo sì e no un centinaio di metri. L’unico uso possibile è quello di guardare le ragazze che prendono il sole in topless sulla sponda sinistra al di là dell’acqua. La mia idea è che l’uomo fosse oramai stanco della moglie e forse la tradiva, e che la gita alla baita fosse solo un modo per cercare di ricostruire un rapporto oramai andato in fumo. La donna può essere caduta nel lago proprio mentre lui era intento a guardare le ragazze seminude sull’altra riva del lago. Questo è compatibile col fatto che la morte è avvenuta sul lato opposto dell’isola, quello destro.

Può anche darsi, seguendo le indicazioni della teoria precedente, che il viaggio alla baita fosse soltanto una gita di facciata, in cui la moglie sapeva dei tradimenti del marito ma ne soffriva in silenzio, portando avanti una relazione a senso unico solo per il bene del figlio che portava in grembo. La donna però, dinanzi all’indifferenza dell’uomo, si gettò nel lago volontariamente, non riuscendo più a sopportare una vita fatta di tradimenti ed umiliazioni. Questa idea è realistica se si pensa che lei si mostrerà per qualche secondo tra le tre bagnanti che prendono il sole a seno nudo, se le spieremo col binocolo.

Ancora, è possibile che il marito abbia affogato la moglie nel lago o l’abbia uccisa in uno dei vari modi che potremo usare per abbatterla anche quando tornerà a cercarci, e poi abbia gettato il corpo tra le acque. Anche questa teoria è realistica se si vuol credere che l’episodio, in un certo senso, si ripete.

Personalmente penso che la storia sia andata così: l’uomo, dopo tanti anni di matrimonio felice, comincia a nutrire dei dubbi sull’amore che prova per la moglie. Comincia così a pensare di tradirla, e magari lo fa, con ragazze più giovani e provocanti di lei, vivendo però un tempesta interiore in cui vorrebbe lasciare la moglie ma non riesce a trovare dentro di sé il coraggio di farlo, sopratutto ora che aspettano un bambino. Deciso a tentare il tutto per tutto parte con la moglie per tentare di ricominciare da capo insieme, avvolgendo nel silenzio i suoi tradimenti, per sempre. Tutto sembra andare per il verso giusto, ma l’uomo non riesce più a desiderare la moglie come un tempo. Nonostante lei lo inviti chiaramente a fare sesso lui la respinge: freddo, insensibile, non sente più accendersi la passione. Quando scopre che delle ragazze vengono spesso a prendere il sole seminude sulle sponde del lago, in lui avvampa la lussuria: le spia con un binocolo, da lontano, appagandosi di quei corpi sodi e perfetti che anche sua moglie un tempo poteva fieramente sfoggiare. Un tempo oramai distante, lattiginoso, che fa di lei solo la pallida ombra della bellezza che aveva anni prima. La cosa va avanti per giorni; lei rifiutata che oramai è ben conscia dei tradimenti del marito, lui fisso col binocolo in mano a guardare lascivo quei corpi seminudi bagnati dal sole. Poi però la moglie lo scopre, e lui davanti all’evidenza di un matrimonio naufragato ammette i tradimenti, di non amarla più e di desiderare di essere libero di poter possedere altre donne, ma non più lei. Ne scaturisce una lite furibonda, in cui il marito perde la testa ed uccide la compagna a colpi d’ascia. Sconvolto, getta i resti nel lago, ripulisce tutto, mette le cose a posto e torna alla vita di sempre. Un giorno però capisce: ha avuto decine di donne, ci ha fatto sesso, ne ha sfiorato i corpi adolescenziali, creta nelle sue mani esperte, ma non ha amato nessuna. Tranne sua moglie. È stato stupido, la lussuria lo ha reso cieco dinanzi all’amore. Non trova pace, e l’unico modo per farlo è tornare alla casa sul lago ed affrontare l’orrore a cui lui stesso ha dato vita anni prima. Per porre fine a questa storia, in un modo o nell’altro.

 

 

Soluzione

Nel video la soluzione del gioco è facilmente comprensibile, ma vi consiglio caldamente di guardarla solo dopo aver provato e riprovato a completare il titolo da soli.

 

 

Qual è la vera storia dietro Lakeview Cabin?

Mostra i risultati

Loading ... Loading ...
La Bottega del Mistero
Alza il velo della realtà per portare alla luce curiosità, misteri, eventi grotteschi o divertenti. Ma sempre comunque affascinanti.
Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid