I lemmings, o lemmi, sono piccoli e simpatici roditori artici, simili ai criceti, che fanno parte della stessa famiglia dei ratti, dei topi e dei gerbilli. La loro particolarità è che presentano a volte delle vere e proprie esplosioni nelle nascite, che portano il branco a trovarsi di fronte alla necessità di sfamare un numero esorbitante di cuccioli. Solitamente, alla ricerca di nuove forme di sostentamento, molti degli individui si allontano dal gruppo anche per decine di chilometri, senza farvi più ritorno – proprio questa abitudine ha portato, nel 16° e nel 17° secolo, a credere che i lemmings nascessero per abiogenesi, ovvero fossero generati spontaneamente dalle condizioni dell’aria. Di fronte alla paura di morire tutti di fame, i lemmings prendono la più drastica delle decisioni: a migliaia corrono a perdifiato lungo le scogliere a picco sull’oceano, riempiendosi i polmoni dell’aria gelida delle nevi scandinave, e quando si trovano sull’orlo del baratro si lanciano nel vuoto, annegando tra i flutti. Il suicidio di massa permette ai sopravvissuti di avere cibo a sufficienza per continuare a vivere per molti anni ancora.

Peccato che sia tutto falso.

 

 

Durante le grandi migrazioni, è normale che alcuni individui muoiano a causa di lesioni da calpestamento e finiscano in acqua spinti dai compagni, ma in realtà il mito del suicidio dei lemmings è stato costruito ad arte dalla Walt Disney nel film White Wilderness (Artico Selvaggio), premio Oscar come miglior documentario nel 1958. In una delle scene viene filmata la migrazione di una colonia di lemmings che si gettano tra le onde dell’Artico, trovando la morte: la voce narrante spiega con chiarezza che si tratta solo di un tentativo di attraversare la distesa d’acqua finito tragicamente, e non della volontà del branco di suicidarsi.

Nel 1982 il programma televisivo The Fifht Estate della statunitense CBC sviluppa una puntata di denuncia della crudeltà sugli animali nei film e rivela alcuni interessanti retroscena sul documentario della Disney: le scene sono state girate a Bow River, vicino Calgary, Canada, e non nell’Oceano Artico come spiegato nel film, inoltre i lemmings sono stati spinti verso l’acqua dallo staff del film grazie ad una piattaforma rotante. In pratica, sono stati deliberatamente spinti al suicidio dalla Walt Disney.

In Scandinavia, i lemmings diventano inquieti quando la loro popolazione s’innalza. Per esempio, nelle zone montuose della Norvegia, quando i lemmings iniziano a spostarsi, tendono a scendere e raccogliersi a valle, col risultato che molti di loro raggiungono il mare o un lago e a volte saltano sui blocchi di ghiaccio galleggianti. Questo comportamento ha dato origine al luogo comune del suicidio di massa. […] La maggior parte dei lemmings canadesi vive in zone pianeggianti e troppo lontano dall’oceano per poter compiere una migrazione del genere. Gli Inuit non hanno leggende riguardanti la migrazio dei lemmings ed è difficile pensare che non si sarebbero accorti di un evento del genere che si verificasse oltretutto ripetutamente. – Hinterland Who’s Who, sito sulla fauna del Canada

Il connubio tra il suicidio dei lemmings e la Walt Disney è nato prima di White Wilderness, e precisamente nel 1955: Carl Barks scrive e disegna The Lemming with the Locket (pubblicata in italiano come Zio Paperone e il ratto del ratto), in cui milioni di lemmings si gettano dalle scogliere della Scandinavia per qualche misteriosa ragione.

 

 

L’idea del suicidio di massa ha ispirato numerose opere, tra cui Lemmings, videogame del 1991 per Amiga sviluppato dalla DMA Design. Nel gioco il concetto è capovolto: anziché aiutare gli animaletti a uccidersi, compito del giocatore è evitare che gli esserini, tanto innocui quanto stupidi, vadano incontro a morte certa e raggiungano incolumi l’uscita del livello.

Altro caso di animali che si uccidono senza ragione è quello dell’Overtoune Bridge, già trattato dalla Bottega del Mistero.

Quella dei lemmings suicidi è certamente una storia che affascina ed inquieta. Peccato che sia una storia tutta sbagliata.


 

Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid