Silenzio radio narra di una delle nostre più ataviche paure, quella di non essere soli nell’universo. Abbiamo provato in tutti i modi a metterci in contatto con altre civiltà, senza risultato. Almeno fino ad oggi, grazie alla fantasia di bencbartlett.

Buona lettura con questa traduzione originale de La Bottega del Mistero.

 

 

Silenzio radio

36.400.00. Secondo la celebre equazione di Drake, è il numero di civiltà intelligenti della nostra galassia. Negli ultimi 78 anni abbiamo trasmesso tutto – le nostre radio, le nostre televisioni, la nostra storia, le nostre scoperte – al resto della galassia. Abbiamo urlato la nostra esistenza sino a perdere la voce, sperando di non essere gli unici. 36 milioni di civiltà, in quasi un secolo di ascolto, e non abbiamo sentito una sola risposta. Eravamo soli.

Sino a 5 minuti fa.

La trasmissione è stata captata da ogni multiplo trascendentale della frequenza dell’idrogeno in ascolto.

Le armonie trascendentali – roba tipo frequenze dell’idrogeno – non si trovano in natura, così non mi ci volle molto per capire che si trattava di qualcosa di artificiale. Il segnale andava e veniva molto rapidamente seguendo ampiezze straordinariamente uniformi; pensai ad una sorta di linguaggio binario. Misurai 1679 impulsi al minuto. Poi di nuovo il nulla.

I numeri però non sembravano avere alcun senso. Semplice rumore di fondo casuale. Ma gli impulsi erano semplicemente così uniformi, su una frequenza altrimenti silenziosa; dovevano essere per forza artificiali. Ricontrollai la trasmissione, e per poco non mi venne un infarto. 1679. L’esatta lunghezza del messaggio di Arecibo inviato oltre 40 anni fa. Eccitato disegnai il rettangolo originale 73×23. Non ero neanche arrivato a metà strada che le mie speranze trovarono fondamento. Era lo stesso messaggio. I numeri in binario, da 1 a 10. I numeri atomici degli elementi che compongono la vita. La nostra catena di DNA. Qualcuno aveva ascoltato e voleva farcelo sapere.

Poi mi fermai a riflettere. Il messaggio originale era stato inviato 40 anni fa. Questo significa che nell’arco di 20 anni luce ci doveva essere un’altra forma di vita intelligente. Così vicina? Una scoperta del genere avrebbe rivoluzionato ogni cosa! Astrofisica, astrobiologia, astro-

Poi il segnale riprese.

 

Più lento, stavolta. Credo intenzionalmente. Durava in tutto poco meno di 5 minuti, con la frequenza di un bit al secondo. Anche se i computer ne tenevano traccia, mi affrettai a ricopiarlo. 0. 1. 0. 1. 0. 1. 0. 0.

…non era lo stesso messaggio.

Non capivo di cosa potesse trattarsi. Mentre ero perso nei miei pensieri la trasmissione terminò, dopo 248 bit. Un messaggio troppo corto per esprimere qualcosa di concreto. Quale grandioso messaggio riusciresti ad inviare ad una civiltà dello spazio in soli 248 bit? Su un computer gli unici file così piccoli sono…

Quelli testuali.

Possibile? Ci avevano inviato un messaggio nella nostra lingua? Riflettendoci bene, non sembrava una cosa tanto campata in area – d’altronde abbiamo inviato ogni sorta di linguaggio sulla Terra per 70 anni… Cominciai così a decifrare il tutto con il primo sistema che mi venne in mente, l’ASCII. 01011010. Significa Z. 01001001. È una I.

Il messaggio prese forma, ed a stento mi trattenei dal vomitare. Ora avevo una risposta.

ZITTI O VI SENTIRANNO

Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid