1999, Hong Kong. Alla stazione di polizia di Tsim Sha Tsui si presenta una bambina di 14 anni, che grida agli agenti di seguirla nel suo appartamento, perché il fantasma di una donna la sta perseguitando da tempo. I poliziotti pensano ad uno scherzo, si fanno quattro risate per quella ragazzina così fantasiosa, ma la piccola è insistente, forse troppo per trattarsi solo di un gioco. Decidono così di seguirla nel modesto appartamento in cui vive, e qualcuno di loro ancora ride a denti stretti di quella fanciulla così ingenua. Poi in un pupazzo viene ritrovato un cranio umano, e nessuno ride più. Questi sono gli eventi che ruotano intorno all’Hello Kitty Murder, l’omicidio di Hello Kitty.

 

 

I poliziotti si trovano al terzo piano di una palazzina di Tsim Sha Tsu, nel distretto commerciale Granville Road, al numero 31 , e fissano scioccati la piccola Hino (nome di fantasia, quello reale non è mai stato rivelato). Hino continua a giurare che l’appartamento è dimora del fantasma di una donna morta pochi giorni prima, una donna che Hino ha aiutato a rapire e torturare con sadico entusiasmo.

Ma riavvolgiamo il nastro.

Fan Man-yee (樊敏儀) nasce nel 1976 in Cina, e quando è ancora bambina i genitori l’abbandonano. Fan cresce nei sobborghi di Hong Kong, e a 16 anni capisce che se non vuole soccombere alla malavita locale, tanto vale farne parte: organizza piccoli furti ed arriva a vendersi in strada perché, intanto, è diventata tossicodipendente. A 21 anni porta la sua attività di meretrice in un bordello di Tsim Sha Tsu, dove la maggior parte della sua clientela è formata da malavitosi della peggior specie. Nel 1997 incontra il trentaquattrenne Chan Man-lok (陳文樂), che diviene ben presto uno dei suoi più fedeli clienti. Chan non è molto diverso dai soliti avventori del bordello, ma quando è sotto effetto di metanfetamine diventa molto violento, e sfoga i suoi istinti su Fan. Dopo un anno di abusi da parte di Chan, Fan smette di vederlo, e come buonuscita gli ruba il portafoglio con HK$ 4.000 in contanti. Chan riesce a farseli ridare indietro, e vuole HK$ 10.000 come risarcimento per il furto subito. Fan non ha tutti questi soldi, e così il 17 marzo del 1999 viene rapita da Chan e da due complici, il ventisettenne Leung Shing-cho (梁勝祖) ed il ventunenne Leung Wai-lun (梁偉倫).

 

 

Fan viene segregata in casa della ragazza di Chan, Hino, con l’intenzione di farla prostituire finché non avrà accumulato i HK$ 10.000 richiesti. Fan, però, viene continuamente vessata dai tre uomini, che arrivano a picchiarla selvaggiamente più volte, portandola quasi alla morte. Nessuno vuole andare a letto con Fan, che esibisce a testa bassa un volto tumefatto dalle percosse, e la ragazza non riesce in alcun modo a sanare il debito. Chan si ritrova così tra le mani una prostituta che non riesce a vendere neanche a prezzi stracciati, ed allora pensa che se non può ricavarci niente dagli altri, magari può usarla per divertirsi da solo.

Fan diviene così l’oggetto delle torture dei tre uomini, che iniziano a pestarla per il solo gusto di farlo, dapprima a mani nude, e ben presto con soprammobili e barre di metallo recuperate in giro. Inizia così un macabro gioco: ad ogni violentissimo colpo, Fan è costretta a sorridere ed urlare quanto è felice di essere picchiata; se non lo fa, Chan ed i suoi amici la percuotono ancor più ferocemente. Le giornate dei cinque coinquilini si dividono tra i pestaggi, i videogiochi e la metanfetamina. Quando i videogiochi stufano o la droga finisce, il divertimento continua infierendo sul corpo martoriato di Fan. La ragazza è confinata in cucina per la maggior parte del tempo, e Chan, Leung Shing, Leung Wai ed Hino sperimentano ogni attrezzo disponibile nella stanza, dalle padelle ai coltelli passando anche per il cibo congelato o in scatola. Arrivano anche ad escogitare un grottesco pensiero: avvolgere Fan in un sacco di plastica ed aprirle ferite su tutto il corpo con degli attrezzi roventi, aggiungendo diversi alimenti sulle varie lesioni per scoprire quale di questi provochi più dolore.

I quattro aguzzini si sentono come degli scienziati del dolore, e provano ogni volta nuove pratiche per infliggere pene sempre più lancinanti alla povera Fan. Un giorno gli viene in mente che se potessero tenere sospesa da terra la ragazza, potrebbero torturarla in più modi contemporaneamente. Così Fan si ritrova legata a dei fili elettrici ad un gancio nel soffitto, dove viene seviziata con le tecniche più disparate. Quando i suoi aguzzini sono esausti, la lasciano appesa.

Finalmente, dopo due mesi di torture, Fan muore durante la notte, da sola, nel bagno.

 

 

Con un cadavere le sevizie non hanno lo stesso gusto, così i quattro decidono di dedicarsi di nuovo ai videogame. Il giorno dopo Chan deve decidere come disfarsi del corpo. Il modo più semplice è farlo a pezzi nella vasca da bagno. Le varie parti vengono bollite per discioglierne i tessuti, ed il cranio lucido viene cucito all’interno di una bambola Hello Kitty sirena. Sebbene quasi tutto il corpo venga gettato via, alcuni parti vengono lasciate imprudentemente in giro per casa, permettendo così agli investigatori di scoprire il macabro omicidio.

Mai in Hong Kong negli ultimi anni una corte ha assistito a tanta crudeltà, depravazione, insensibilità, brutalità, violenza e ferocia. – Il giudice Peter Nguyen al processo per l’omicidio di Hello Kitty

Al processo i tre uomini vengono condannati a vent’anni senza possibilità di uscire sulla parola, con l’accusa di omicidio colposo e rapimento. La pena di vent’anni, in effetti, sembra un’offesa, ma la giuria sentenzia che non hanno ucciso la ragazza intenzionalmente, e che la morte sia sopraggiunta solo a causa delle percosse subite: in pratica, nessuno di loro voleva ucciderla, ma soltanto infliggerle più dolore possibile. Hino, invece, per aver testimoniato contro i tre aguzzini, viene considerata collaboratrice di giustizia e, pertanto, non perseguibile a norma di legge.

Si era rotta e giocare con lei non era così divertente dopo tutto, ma abbiamo continuato lo stesso a torturarla. Non c’era altro che potessimo fare con lei. L’ho fatto per divertimento. Solo per vedere cosa si prova a fare del male a qualcuno. – Hino

La vicenda ha ispirato due film, Ren tou dou fu tang (There is a secret in my soup) di Yeung Chi Gin del 2001 e Pang see: Song jun tin leung (Human Pork Chop) di Benny Chan Chi Shun dello stesso anno.

 

La Bottega del Mistero
Alza il velo della realtà per portare alla luce curiosità, misteri, eventi grotteschi o divertenti. Ma sempre comunque affascinanti.
Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid