Oggi voglio parlarvi di una creepypasta che tale non è, che dovrebbe far paura ma non la fa, e che si riassume in quattro parole: THEN WHO WAS PHONE?

Scritta solitamente in maiuscolo, è una frase fatta che di solito viene usata per commentare le creeepypasta scritte male, troppo corte o banali. Apparsa per la prima volta nella board /x/ di 4chan, era il finale di una storia horror volutamente breve e sgrammaticata, postata sul sito da un utente anonimo.

So ur with ur honey and yur making out wen the phone rigns. U anser it n the vioce is “wut r u doing wit my daughter?” U tell ur girl n say “my dad is ded”.  THEN WHO WAS PHONE?

Ve la traduco in un italiano un po’ più comprensibile.

Tu e la tua ragazza siete in giro insieme, quando all’improvviso ti squilla il cellulare. Rispondi al telefono, e la voce dall’altro capo ti chiede “Cosa stai facendo con mia figlia?” Ne parli con la tua fidanzata, e lei ti risponde “Mio padre è morto”. Allora chi era al telefono?

La frase diviene ben presto diffusissima su internet, riutilizzata da migliaia di utenti per prendere in giro discussioni troppo serie o per confondere gli altri partecipanti.

La Bottega del Mistero
Alza il velo della realtà per portare alla luce curiosità, misteri, eventi grotteschi o divertenti. Ma sempre comunque affascinanti.
Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid