Una torre di teschi umani scoperta poche settimane fa nel cuore di Città del Messico pone nuovi interrogativi sui sacrifici umani perpetrati dalla civiltà azteca.

Il 30 giugno 2017 gli archeologi scoprono 650 teschi quasi intatti e migliaia di frammenti in un edificio di forma cilindrica nei pressi del sito di Templo Mayor, uno dei templi più importanti degli AztechiTenochtitlan, capitale prima del loro impero e oggi del Messico. La struttura, propriamente detta Huey Tzompantli, ha un diametro di 6 metri.

Quello che più stupisce rispetto ad altri tzompantli è che vi sono allocati teschi non solo maschili, ma anche di donne e bambini.

Ci aspettavamo solo uomini, giovani e forti come possono esserlo i guerrieri, e trovarci anche donne e bambini non è normale. Non sono il genere di persone che sarebbero andate in guerra. C’è qualcosa che ancora non sappiamo, e che abbiamo cominciato a scoprire qui per la prima volta. – Rodrigo Bolanos, antropologo

Gli tzompantli (mura di teschi), presenti anche nei Maya, venivano generalmente eretti con pali paralleli tra loro a cui venivano cuciti o più semplicemente legati teschi umani. Si trattava perlopiù di prigionieri di guerra, impilati come ammonimento per le popolazioni avverse. A volte gli uomini venivano spinti a giocare una partita del gioco della palla, facente parte di un ben più complesso rituale, alla fine della quale veniva decretata la loro inevitabile quanto pilotata sconfitta. E la loro decapitazione.

 

REUTERS/Henry Romero

 

La macabra struttura ha avuto l’infausto compito di tenere lontani i conquistadores spagnoli dalle ricchezze e dai fasti del popolo azteco. Immune al loro effetto fu il celebre condottiero Hernán Cortés Monroy Pizarro Altamirano, che prende d’assedio la città uscendone tristemente vittorioso nel 1521. Uno dei suoi sottoposti, Andres de Tapia, narra che la struttura era formata da decine di migliaia di teschi: siamo stati in grado solo di scalfire la superficie di quello che sembra davvero un ossario mastodontico.

Condividi il tuo voto!


  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid