Il problema dell’umanità è che pensiamo che tutto ciò su cui riusciamo ad allungare la nostra ombra ci appartenga di diritto. Nelle prime colonizzazioni dell’America non ci siamo fatti problemi a sterminarne gli abitanti che, se vogliamo, sarebbero stati gli unici ad arrogarsi il diritto di vivere lì. Questo ci fa sentire grandi, quando in realtà siamo piccoli, microscopici, meno che insignificanti se paragonati alla vastità dell’universo. Ma ogni tanto qualcosa torna a farci scendere dal piedistallo: l’asteroide “(367789) 2011 AG5

Continua a leggere