Negli anni ’90 un ragazzo, Satoshi Tajiri, si aggira per le città dal Giappone collezionando gli insetti più disparati, come fanno molti dei suoi coetanei appassionati di natura ed entomologia. Un giorno si ritrova tra le mani un Game Boy ed il relativo Game Link Cable, che permette a due giocatori di sfidarsi collegando due consolle portatili. Satoshi, che di certo non manca di creatività, rimane così colpito da quel semplice cavetto da concepire un’immagine curiosa:

Ho immaginato veri e propri esseri viventi che si muovevano avanti e indietro lungo il cavo.

Continua a leggere